Vaz Tè

Artista: Vaz Tè Età: 27 anni

Biografia

Alessandro Guzzo, in arte Vaz Tè, è un rapper italiano nato il 28 settembre 1992 a Genova e cresciuto in periferia tra Prà e Palmaro. Appartiene al crew Wild Bandana, complesso tutto genovese composto da Guesan, Tedua, Ill Rave e Izi.

Le sue prime esperienze musicali appaiono su MySpace nel 2011 con un progetto (tutt’ora irreperibile) intitolato Don’t rap this at home, realizzato in collaborazione con i principali artisti di zona. Fin dagli albori dimostra l’attaccamento al proprio nome d’arte, ispirato dall’ex West Ham Ricardo Vaz Tè, attaccante portoghese di livello, con citazioni al calcio nella maggior parte dei brani (sostiene di tifare Parma da sempre, nonostante le cittadine siano Genoa e Sampdoria, perché nel Parma hanno militato giocatori di alto livello come Cassano, Buffon, Crespo e molti altri talenti dai primi anni 2000).

Nel 2013 pubblica in collaborazione con Studio Ostile il suo primo mixtape Singapore, dove dà una dimostrazione di tutta la sua tecnica e contenutistica passando da strofe aggressive e rapide a rime più conscious e malinconiche. Nel progetto collabora con i principali rapper del capoluogo tra cui il compagno Tedua, col quale un anno dopo assieme a Zero Vicious (ora Vicious) rilascia l’album Medaglia D’Oro, interamente prodotto da quest’ultimo, ulteriore e platonico esempio di skills ed esercizi di stile.

Prende parte, come da tradizione, a buona parte dei progetti in corso tra il 2013 e il 2015 di artisti militanti nella scena genovese come Izi (Macchie di Rorschach Mixtape, Kidnapped Mixtape, Julian Ross Mixtape), Tedua (Orange County Mixtape), Bresh (Cosa Vogliamo Fare Mixtape), Dala Pai Pai (Kubla Khan Mixtape, Golden Horn), Nader Shah (#ANADERLEVEL Mixtape), Guesan (Mani Sporche Mixtape), Demo (#nonèundisco). Pubblica nel 2015 il primo singolo dopo Singapore su YouTube, dal titolo Live and Die in Palmaro, reinterpretazione della versione di Chicago, seguito da due freestyle, Chicken Point e Crisi Dinastica.

Compie il salto di qualità a fine 2016 sfoderando una collaborazione con Rkomi e Tedua prodotta da Nebbïa intitolata “Over 2.5”, traccia colma di riferimenti calcistici (l’over 2.5 è una giocata classica appartenente al mondo delle scommesse calcistiche, ndr.).

Nel 2017 comincia la sua affermazione nella scena: è protagonista di Amici Miei Mixtape, realizzato insieme a Disme, Nader Shah, Bresh, Ill Rave e Tedua, compare in Pizzicato di Izi, nella traccia Wild Bandana, colonna portante dell’album e consacrazione del gruppo, prodotta da Estremo, pubblica il remix di Now it’s over di Chief Keef e cala il sipario per il resto dell’anno.

A partire dal 2018 pubblica i primi progetti più curati e popolari della sua carriera solista, ad annunciare l’uscita futura del suo primo album ufficiale VT2M, oltre che a comparire in Sogni di strada di Nader Shah & Ill Rave nella traccia Mio Dio, e in Oro Cromato di Cromo, nella traccia Stipendio. Galvanizzato dal successo ottenuto, nel 2019 collabora con i Santana MOE in SNITCH?, con C-Bud in Mbappè Remix, e pubblica Waiting Room EP, progetto che precede l’uscita del suo primo album ufficiale che mette in luce un’innovazione dell’artista, che si trova a rappare tra beat di Sick Luke e barre in romano di Gianni Bismark.

Nel 2020 partecipa nel primo album ufficiale di Bresh nella traccia Team.

Ascolta su Spotify

Video