Ferenwski

,
Nome: Ferenwski Età: 25 anni

Biografia

Ferenwski, nome d’arte di Federico Ferè, è un grafico italiano classe ’95. Nato a Tradate, in provincia di Varese, già nel 2011 inizia a utilizzare Photoshop, Cinema 4D e Sony Vegas per un canale YouTube di gameplay, avventura durata alcuni anni. Dopo aver frequentato il liceo scientifico, studia Design della comunicazione presso il Politecnico di Milano, laureandosi in triennale nel 2018.

Nel 2017 partecipa a un contest di Axos per la realizzazione della cover di Blue Room, singolo prodotto da Denny The Cool. Il contest prevedeva due vincitori giornalieri e uno finale che avrebbe curato la cover ufficiale e il lavoro di Ferenwski viene decretato vincitore nella giornata di sabato.
Da questo momento si dedica alla grafica in ambito musicale, cominciando a collaborare con Remmy, Warez e artisti come Etse Gringo, Lucky e Cicco Sanchez.

Nell’estate 2018 inizia la collaborazione con Corrado Grilli, curando la cover di Basta di Alfred Hitch, mentre a fine anno realizza l’artwork per Senorita di Edo Fendy. Nel tempo colleziona lavori per Drimer, Sace e continua a collaborare con Universal per la cover di E fatt o’ giallo di Vale Lambo e i billboard di Tarantelle, album di Clementino.
Nel 2019 comincia a lavorare con Warner Music, curando contenuti social per l’etichetta e per gli artisti, oltre alle cover di Dove e quando di Benji & Fede e Avocado Toast di Annalisa.
Nell’estate del 2019 inizio anche a collaborare con Hokuto Empire per la creazione delle cover di Astol, Daniel, Nuela, Noa e Andrea Settembre, e con Polydor alla creazione dei contenuti social per Jovanotti Beach Party, after party e il singolo Luna.

Tra i suoi lavori ci sono anche le cover di Cracovia PT. 3 di Il Tre, di Non esco di Clementino e Cromo e di FIGHT! del Tre e Nayt.
A partire da marzo 2020 crea contenuti social per Il Pagante e ad aprile cura contenuti social e artwork per DM, l’EP di Nerone e Warez.

Portfolio (grafica, foto, illustrazioni)

Nerone, Warez - DM (2020)

Il Tre - FIGHT! ft. Nayt (2020)