Che differenza c’è tra beatmaker e producer?

Molte volte si usano le parole beatmaker e producer (o produttore) come fossero sinonimi, come se facessero riferimento alla stessa persona. Può andare bene (forse) ma fino ad un certo punto. Cosa fa un beatmaker? E cosa invece un producer?

Beatmaker e producer: sono la stessa persona? Spesso è così, tant’è che il più delle volte i due termini hanno la stessa valenza e, per questo, vengono scambiati senza problemi. Tuttavia quesi non sono esattamente sinonimi. Che differenza c’è davvero?

Che differenza c'è tra producer e beatmaker?

Molti beatmaker sono anche producer, di fatto. Eppure io conto diverse differenze tra queste due figure, per quanto lavorino insieme al progetto musicale. È una questione di skills, di conoscenze tecniche e capacità e quindi workflow. Il beatmaker si concentra su aspetti che entrano nello sviluppo del brano. Il producer è invece quello che arriva con l’idea in studio.

Tutto qui? Ovviamente no.

La differenza tra beatmaker e producer può essere questa, in estrema sintesi: il primo è il braccio, il secondo la mente. Trovo però questa sintesi molto riduttiva. Entriamo nello specifico dei duo ruoli allora e vediamo di capire come distingerli.

Guarda qui: Lista dei migliori beatmaker italiani (in aggiornamento)

Cosa fa un beatmaker

Il beatmaker è quello che mette insieme i pezzi: ritmiche, synth, sample, effetti. Realizza qualche bozza che possa fare da punto di partenza. Nulla vieta che arrivi il producer a stravolgere il progetto.

Il beatmaker mette mano a strumenti ed effetti dando poi seguito alle idee e direttive del producer così da sviluppare l’arrangiamento in ogni sua parte.

Non è detto che il producer apra nemmeno il progetto di Logic, o FL Studio. Interessante è quello che dice DJ Khaled in questa intervista. Tutti si chiedono cosa faccia effettivamente DJ Khaled. Lui afferma, a proposito del ruolo di produttore: «A producer gets the job done». Finalizza il processo che porta dall’idea di partenza sua, sviluppata poi insieme a uno o più beatmaker e/o musicisti, al risultato. Il beatmaker è l’anello di congiunzione tra il concept iniziale e il risultato finale. Plasma l’idea.

Da leggere: Quando è importante il beatmaker?

Cosa fa un producer

Il producer è chi detta le linee guida (e solitamente, ad un livello più alto, mette i soldi per portare avanti la produzione). Non è tutto qui. Il producer parte magari da alcune bozze di uno o più beatmaker, raccoglie appunto idee e sensazioni (vibes). Cerca di capire se e quali strumenti ed effetti possano essere decisivi nell’arrangiamento perché la strumentale dia il massimo.

È una sorta di direttore d’orchestra. Il producer è chi sta in regia e spende tempo per capire come sviluppare il beat sia a livello di struttura (intro, ritornello, strofa, etc) che di suono vero e proprio. Ascolta e riascolta il materiale alla ricerca del dettaglio che faccia la differenza. Il beatmaker fa in modo da tramite fra il concept del producer e il risultato finale.

Leggi anche: Guida al mixer digitale (breve tutorial in italiano)

Beatmaker con qualcosa in più

Come vedo io il producer? Lo vedo con molte più capacità e possibilità in studio, questo non si limita solo a impartire ordini al team per plasmare l’arrangiamento ma può anche mettere mano a strumenti o synth per creare da zero patch e preset utili. Sa scolpire il suono affinché questo abbia l’aspetto (passami il termine) più giusto per il progetto al quale si sta lavorando. Queste skills vanno poi ad aggiungersi a tutte le altre di cui ho già scritto.

Ti senti beatmaker o producer?

Tu da che parte stai? Senti di avere le caratteristiche del produttore o sei un umile beatmaker? La mia idea è che con pazienza, costanza e voglia di imparare e conoscere si possa non solo diventare beatmaker ma ottimi producer. Credo sia molto più bello, stimolante e gratificante pensare di poter dare vita ad un suono che prima era una semplice idea nella tua testa. Non credi?

Nano sardo col vizio di scrivere. Padre di Boh Magazine, fondatore di Beat Torrent, vecchio brontolone. Lavoro come WordPress Developer e mi occupo di scrittura online. Rimo da quando si spammava su MySpace.