Biografia aggiornata del beatmaker Kang Brulèe

Kang Brulèe

Artista: Kang Brulèe

Biografia

Kang Brulèe, nome d’arte di Davide Nardelli, è un produttore, dj e strumentista pugliese.
Fin da bambino ascolta tanta musica e nutre la sua curiosità e la voglia di scoprire nuovi paesaggi sonori. Grazie alla madre viene indirizzato verso artisti provenienti dall’America latina. Tra i pilastri musicali cita Inti Illimani, Buena Vista Social Club e Tom Zé.

Tra le prime produzioni ufficiali troviamo Amica Pusher di Priestess, uscita il 6 giugno 2017 e successivamente contenuta in Torno Domani EP.
Il 2 febbraio 2018 esce Back Home, terzo album ufficiale di Madman, in cui Kang Brulèe produce Niente Proprio insieme a Ombra. Poco dopo cura anche Keanu Reeves di Gemitaiz, contenuta in Davide.
Tra le altre strumentali nel resto dell’anno Il peggio di Me di Valerio Nazo ft. Madman, Fata Morgana di Priestess e di nuovo Gemitaiz con Giuro Che ft. Quentin40 e Priestess.

Nel 2019 continua l’intesa con Madman, producendo per lui 24/7 e R8 per il terzo volume di MM Mixtape.
Priestess invece esordisce ufficialmente il 19 aprile 2019 con l’album Brava, dove troviamo Kang Brulèe, Ombra e Polezsky alla direzione artistica del progetto.

Oltre al rap, la sua cultura musicale in età adolescenziale si è formata grazie all’influenza elettronica nordeuropea rappresentata da artisti come Arctic Monkeys, Tame Impala, Flume, Jamie xx e Nicolas Jaar.
Questi ascolti plasmano la sua personalità e si traducono nella realizzazione del suo primo album solista, Short Story of a Bedroom, pubblicato il 26 aprile 2019.

A settembre coproduce due tracce di Scatola Nera, album di Gemitaiz e Madman: Karate ft. Mahmood, con Ombra e Polezsky, e Fuori e Dentro ft. tha Supreme.
Il 6 marzo 2020 esce Rendez-vous EP di Priestess, in cui Kang Brulèe segue Solo Gli Amanti Sopravvivono All’Amore e il remix di Brigitte ft Myss Keta.

Il 17 aprile 2020 vede la luce Leit Motiv, EP collaborativo di Polezsky e Kang Brulèe: il progetto racchiude l’idea di arte concettuale e unisce la musica a diversi abiti culturali.

Ascolta su Spotify

Video

Boh Magazine presenta Factory