Paky - Salvatore cover album

Salvatore

Grazie per aver votato!

Vediamo se conferma o ribalta il risultato.

Artista: Paky

Album: Salvatore

Data di pubblicazione: 11-03-2022

Salvatore è il primo album ufficiale del rapper Paky, di Rozzano (periferia sud di Milano). All’interno featuring di Marracash, Guè, Luchè, Geolier e Mahmood.

Acquista su Amazon

Tracklist

  1. Intro
  2. 100 Uomini
  3. Blauer
  4. No Wallet (ft. Marracash)
  5. Pascià
  6. Auto Tedesca
  7. Star (ft. Shiva)
  8. Salvatore
  9. Quando Piove
  10. Vivi O Muori (ft. Guè)
  11. Vita Sbagliata
  12. Comandamento (ft. Geolier)
  13. Giorno Del Giudizio (ft. Luchè, Mahmood)
  14. Mi Manchi
  15. Storie Tristi
  16. Mama I’m A Criminal
  17. Bronx

Ascolta su Spotify

Pro

  1. Gangsta rap credibile
  2. Buon equilibrio tra brani banger e brani più introspettivi

Contro

  1. Tematiche di strada ridondanti e limitanti

Pro

  1. Gangsta rap credibile
  2. Buon equilibrio tra brani banger e brani più introspettivi

Contro

  1. Tematiche di strada ridondanti e limitanti

Recensione

Salvatore di Paky è un disco gangsta finalmente credibile

Il disco è uno dei migliori progetti d’esordio degli ultimi anni, considerando i 22 anni di Paky, riesce a soddisfare le aspettative che aveva rincarato da 3 anni a questa parte di singolo in featuring.
Paky riesce in una celebrazione massima del concetto di credibilità, tra una narrativa brutale del riscatto sociale e un’intima narrazione dei drammi di crescere in un quartiere periferico popolare.
Il disco è diviso in queste 2 parti, 7 banger di rivalsa e 7 brani di profonda espiazione. La skit Salvatore, scinde esplicitamente le 2 parti, in cui spiega anche il titolo del disco, dedicato allo zio venuto a mancare in un incidente d’auto probabilmente innescato da una telefonata dello stesso Paky.
Paky assolve al suo dovere da rapper e nel disco non accenna a nessun tentativo di ammorbidire musicalmente il suo flow ostico, nasale e impastato, ma che tanto lo caratterizza, rimarcando ulteriormente la credibilità dei testi.
Nonostante Paky si sia fatto notare per il talento nelle strofe banger, con la seconda parte del disco dimostra un’inaspettata e notevole maturità lirica che lo eleva rispetto a molti suoi colleghi che negli ultimi anni hanno provato a celebrare la vita di strada, scivolando in macchiette, stereotipi e cliché.
Salvatore è sicuramente un disco d’esordio promosso e che fa da modello a come si può raccontare il quartiere con estrema serietà ma, come hanno dimostrato i maestri della lirica di strada come Marracash, Guè e Luchè, dai prossimi progetti ci si aspetta da Paky che le vicende di strada non siano più l’unico oggetto lirico, quanto un pretesto, un filtro, una prospettiva con cui descrivere anche ciò che c’è al di là del quartiere.
Paky con Salvatore è riuscito ad elevarsi ed andare oltre lo stereotipo dello scugnizzo teen di quartiere con tuta del PSG e borsello Prima Classe e coi prossimi progetti starà solo a lui se uscire da un’esclusiva narrativa di quartiere, che potrebbe iniziare a stargli stretta, per diventare un futuro e maturo erede del gangsta rap milanese.

Foto di Davide Boifava per Boh Magazine

Co-fondatore di Boh Magazine e psicologo

Tieni d'occhio questi album

Contattaci per avere maggiori informazioni

Compila il form per un contatto rapido con la redazione. Assicurati di aver già letto e visionato la sezione FAQ con risposte veloci alle domande più frequenti. Per ulteriori chiarimenti e informazioni, siamo qui.